Chi siamo

Il Pane

Come Una Volta

 

[row cols_nr=”2″][col size=”7″]

Nonno Cataldo e Nonna Nunzia

La storia della Famiglia De Palo è lunga una vita e ha il sapore della grande tradizione. È negli anni ’20 che Cataldo De Palo si fidanza con Dominichiello Nunzia donna dalla grande conoscenza delle farine e della lievitazione. Sapeva bene come nutrire “U Lvt”  Come impastava il pane Nonna Nunzia non lo sapeva fare davvero nessuno! Merito alle donne che lavoravano tantissimo per la famiglia: l’impasto all’alba, la cura della casa e dei figli, l’aiuto agli anziani parenti, la cura della cucina.

La tradizione vuole che il pane fosse impastato in casa, ritirato dai garzoni e portato al forno per la cottura, ma Nonna Nunzia era talmente brava che insinua il dubbio nel Nonno Cataldo: e se facessimo noi il pane per tutti? Nonno Cataldo fonda così il primo panificio nel centro della città a ridosso dei Sassi. I sei figli avrebbero avuto un futuro più certo in una città che sapeva molto di storia ma poco di modernità. Nonno Cataldo avrebbe cambiato le sorti di questa storia.

I primi panifici nei sassi

Con il tempo Nonno Cataldo e i suoi sei figli arrivarono a gestire cinque forni nei Sassi. È quindi agli inizi degli anni ’60 che nasce quello che comunemente noi chiamiamo Panificio. Da impastare il pane in casa e mandarlo al forno in cottura o farlo impastare da Nonna Nunzia e consegnarlo cotto, si passa al panificio attuale. Una grande novità per quei tempi! Uno di questi forni, nei pressi della attuale Via Gattini a Matera, era gestito direttamente da Nonna Nunzia con l’aiuto del piccolo Nicola, il padre di Aldo De Palo. Era il figlio più piccolo di Nonno Cataldo, quello che amava di più il pane, la lievitazione e la farina. Nicola però non si è mai fermato, ha voluto sperimentare, con curiosità e passione ha creato la versione migliore del pane. Lui sapeva bene che alla base del buon prodotto c’è sempre la qualità. “La roba buona piace a tutti quanti” era la frase che ha sempre detto ai suoi figli, e Aldo l’ha fatta sua anche in questa attuale esperienza.

Aldo De Palo e Piazza degli olmi

Aldo è ora il portavoce di questa storia ma anche dell’innovazione tecnologica. Sa benissimo che il miglior microclima per la realizzazione di una buona farina e di conseguenza di un buon pane è quello della collina materana. Per questo la sua farina proviene solo da li e in Piazza degli Olmi, nel suo panificio, puoi conoscere la reale provenienza della farina ma anche, addirittura lo stoccaggio della stessa. “Così puoi essere certo di avere un prodotto buono e di qualità” è la sua frase tipica quando lo incontri. La visione di Aldo De Palo e del suo panificio in Piazza degli Olmi è “ le tecnologie vanno avanti ma la storia del nostro grano resta sempre vivo e noi cerchiamo di sposare le due realtà”.

Nel 2020 in occasione dei 100 anni di attività ci saranno tantissime novità!

[/col][col size=”5″]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[/col][/row]